10 MOTIVI PER VISITARE LA ROMANIA

Romania Trip2Ro

10 MOTIVI PER VISITARE LA ROMANIA

Vorresti visitare la Romania, ma qualcosa ti frena? Il tempo non è mai sufficiente ed i soldi nemmeno? Intraprendere un nuovo viaggio ci mette di fronte a molte perplessità, soprattutto se sul paese da visitare se ne sentono di tutti i colori. Tuttavia, dopo aver letto questo articolo, scoprirai che visitare la Romania non solo è sicuro, ma può essere anche confortevole e molto piacevole. Molti italiani che visitano questo paese rimangono infatti stupefatti quando scoprono da loro che la Romania è una terra con tante qualità e pochi difetti. Molti italiani, infatti, dopo aver viaggiato in Romania, decidono di “piantare qui le loro radici”, ossia di trasferirsi definitivamente o per trascorrere gli ultimi anni della loro vita e potersi godere la pensione, o per lavorarci come dipendenti, o ancora, e questi sono i casi più frequenti, per fondare aziende di ogni tipo.

Motivo numero 1: la Romania non è un Paese povero!

Dal tessile all’agricoltura, dalle comunicazioni all’informatica, dal turismo all’alimentare, la Romania vede ogni anno l’incremento della propria economia ed il fiorire di nuove aziende grazie ad investimenti stranieri, tra i quali non sono secondari quelli italiani. Appena si atterra all’aeroporto di Bucarest ci si rende conto immediatamente di come, qui, l’economia funzioni, e di quanti italiani abbiano scelto di vivere in Romania. Si sente dunque parlare italiano non sono perché molti romeni che hanno trascorso molti anni in Italia, sono tornati nel loro paese portando con se usi e costumi italiani, ma anche per la presenza fisica degli italiani in Romania.

Motivo numero 2: è facile da raggiungere

La Romania e l’Italia sono due paesi europei, e quindi non sono lontani, soprattutto se si sceglie di viaggiare in aereo. Ecco perché molti italiani scelgono di trascorrere anche solo un weekend in questo bellissimo paese, e cioè perché è vicino! Vi faccio un esempio: dall’aeroporto di Venezia – Treviso a quello di Bucarest – Otopeni, ci metterete solo un’ora e un quarto di volo, che è veramente pochissimo. Considerate tuttavia un’ora di fuso orario. Se, una volta giunti in Romania, telefonerete in Italia quando in Romania sono le 9:00, sappiate che, con ogni probabilità sveglierete i vostri amici italiani perché lì saranno le 8:00.  A parte questo piccolissimo inconveniente, giungere comodamente in Romania è veramente semplice, anche perché gli aeroporti sono molti e tutti ben collegati dall’Italia.

Motivo numero 3: è economico

Sebbene vi abbia informati sopra sul fatto che la Romania non sia un paese povero, sappiate che, comunque qui troverete prezzi più bassi rispetto all’Italia e potrete mangiare fuori con soli 10 o 12 euro. Vi parlo di un pasto completo o di una buona pizza. Ma questo vale per Bucarest e per la zona più turistica, perché in altre città romene, soprattutto nel Nord, potrete spendere ancora meno. Ecco perché un viaggio in Romania è per tutti e per tutte le tasche. Non serve essere ricchi per venire in Romania. Inoltre se si opta per l’aereo sappiate che ci sono molte compagnie aeree low-cost che vi permetteranno di andare e tornare dai maggiori aeroporti romeni per soli 50 o 100 euro. Dipende ovviamente dal tipo di bagaglio che utilizzate di solito e dal periodo da voi scelto. A febbraio i costi dei voli sono molto bassi e se prenotate con un certo anticipo spenderete davvero pochissimo. A me è successo di viaggiare anche con soli 15 euro! Ma non è finita qui, perché anche gli ingressi ai musei hanno prezzi abbordabili e non esagerati, e questo ci porta al…

Motivo numero 4: la cultura e l’arte sono per tutti

Visitare città straordinarie come Bucarest, Sibiu, Sighisoara e Brasov sarà per voi un grande piacere anche per i prezzi incoraggianti dei diversi obiettivi turistici. Musei bellissimi a soli 3, 4 o 5 euro, con qualche eccezione fatta per i castelli, luoghi incantevoli ed imperdibili, dove comunque non spenderete una cifra esorbitante. Anzi. A Bucarest potete entrare in musei di alto valore artistico e culturale per soli 3 euro. Anche partecipare a concerti di musica classica, andare all’Opera, o assistere ad uno spettacolo teatrale è molto economico, ed infatti le sale sono sempre piene di gente. Se amate l’arte e credete che l’arte dovrebbe essere per tutti, venite in Romania e venite a vedere come sono ben organizzate a livello culturale le città di Cluj Napoca, Iași, Bucarest, Brasov, Sibiu e Sinaia. Rimarrete a bocca aperta.

Motivo numero 5: si mangia bene

Diciamo la verità, noi italiani siamo estremamente fortunati perché abbiamo la miglior cucina italiana e difficilmente riusciamo a mangiare bene all’estero. Questo non vale però per la Romania, dove la cucina è ricca, differenziata e veramente gustosa. La carne è deliziosa perché in Romania ci sono pochi allevamenti intensivi e in molte zone rurali si preferisce vivere ancora come tanti anni fa. Anche il suolo è poco inquinato e questo fa bene ai prati e ai pascoli. Costolette di agnello, stinco di maiale, salsicce piccanti e non, cosce disossate di pollo alla griglia accompagnati da polenta, formaggio fuso di vacca, capra o pecora, e zuppe con verdure genuine sono alla base dell’alimentazione del romeno. In alcuni ristoranti delle grandi città o nelle malghe si mangia veramente bene a prezzi alquanto economici.

Motivo numero 6: l’arte moderna romena è famosa e apprezzata in tutto il mondo

Le grandi città presentano musei bellissimi perché custodiscono al loro interno delle opere artistiche di altissimo livello. Se amate l’arte non potete perdervi il Museo d’Arte Nazionale di Bucarest, nella famosa Strada della Vittoria, dove, con pochi euro potrete vedere la galleria d’arte moderna romena e scoprire quadri ammalianti, originalissimi e molto costosi. Si tratta di opere pittoriche e scultoree di artisti poco famosi all’estero, ma molto amati in Romania per le loro straordinarie capacità tecniche ed espressive. Ammirerete quadri di Nicolae Grigorescu, Stefan Luchian, Ion Andreescu e Pallady, e Constantin Brancusi. Quest’ultimo visse durante il periodo comunista e divenne famoso in Francia e negli Stati uniti. Sarà interessante vedere da vicino le sue straordinarie opere d’arte e conoscere qualcosa in più su di lui e sulla sua interessante biografia.

Motivo numero 7: le costruzioni medievali in Transilvania sono uniche al mondo

La Transilvania è una regione europea tra le più famose d’Europa e del mondo per le bellissime chiese fortificate che, tra l’altro, sono monumenti Unesco. Visitare la Transilvania è un’esperienza unica, non solo per il verde che la caratterizza, ma anche per le sue bellissime colline e per la Catena dei Carpazi che l’attraversa. Le chieste fortificate qui presenti risalgono al XIII secolo e furono costruite da cavalieri teutonici e poi ricostruite o rinforzate da sassoni per proteggere i confini di questa regione dalle invasioni mongolo, tartare ed ottomane. Ci sono chiese fortificate che si sono conservate perfettamente e che sono visitate ed apprezzate ogni anni da migliaia di turisti. Qui si può vedere chiaramente cosa significava vivere in Transilvania in pieno medioevo. Un’esperienza indimenticabile.

Motivo nr 8: La Romania confina con il Mar Nero

Se amate il mare vi consiglio di visitare non la Transilvania, regione percorsa da splendidi altopiani, ma la Dobrogia, zona meravigliosa bagnata dalle acque del Mar Nero. La Dobrogia offre inoltre la possibilità agli appassionati di archeologia di scoprire oggetti risalenti all’epoca neolitica e città-museo all’aria aperta. Si tratta di ex colonie greche che attirano ogni anno migliaia di visitatori. Le colline della Dobrogia, con i loro colori e i loro terrazzamenti sono veramente incantevoli e questo luogo magico è inoltre ideale per chi ama i cavalli e l’equitazione perché a Mangalia c’è un maneggio e da lì partono escursioni a cavallo sulla spiaggia. Anche località marittime come Constanta, Vama Veche, e 1 Mai, regalano lunghe spiagge che consentono al visitatore di rilassarsi ed abbronzarsi. E’ dunque consigliabile visitare la Dobrogia nel periodo estivo.

Motivo nr 9: In Romania c’è il bellissimo Delta del Danubio

Rimanendo in questa regione, senza dunque dover lasciare le bellezze della Dobrogia, scopriamo che in Romania c’è una riserva naturale che ospita ogni anno migliaia di uccelli migratori straordinari, come pellicani, cicogne e cormorani. Si tratta del Delta del Danubio, anche se le cicogne, in realtà, si possono trovare anche in Transilvania durante la primavera e l’estate, per poi tornare nei paesi caldi durante l’inverno. Il Delta del Danubio ospita anche la Foresta Letea, con circa mille cavalli selvaggi, liberi e meravigliosi. Tra le altre cose la Romania ha una propria specie di cavallo, di maiale con il pelo lungo, e di cane pastore. Visitare questo paese è dunque una continua scoperta e una costante novità.

Motivo nr 10: nel nord ci sono monasteri monumenti UNESCO.

Dal sud saliamo per giungere agli splendori del nord, e quando parlo di splendori mi riferisco ai monasteri della Bucovina, che è la parte settentrionale della regione Moldavia, sempre in Romania. Qui è la fede a segnare il ritmo del tempo, la tranquillità e la pace del vivere assieme, in comunità, con poco, ma con molta gioia allo stesso tempo. Monasteri come quello di Voronet, Sucevita, Moldovita e Humor sono affrescati non sono internamente, ma anche esternamente. Sembrano edifici che hanno un anima, tante sono le monache che se ne occupano quotidianamente e che accolgono ogni giorno centinaia di visitatori con il sorriso stampato sulle labbra.

Il motivo numero 11 non lo scrivo non perché non esista, ma semplicemente perché di motivi ce ne sarebbero molti altri ancora. Voglio però lasciarvi con qualche curiosità ed invitarvi a scoprirli da soli una volta arrivati in Romania.

 

Leave a Reply

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the bookyourtravel internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*